Benvenuto nel nostro Blog

Infiltrazioni d’acqua: quando è competenza del condominio e quando è un problema della proprietà privata

Quello delle perdite d’acqua è un annoso problema che quasi tutti sperimentano nell’arco della vita condominiale e spesso con fastidiose conseguenze pecuniarie e morali. 

In generale, la competenza per la gestione delle infiltrazioni d’acqua dipende dal tipo di problema e dalla sua origine. Bisogna quindi distinguere vari casi riguardo alle infiltrazioni e districarsi tra le leggi.

In caso di infiltrazioni che provengono dalle parti comuni del condominio, ad esempio dal tetto, dai muri esterni, dalle colonne montanti, la competenza per la gestione e la risoluzione del problema spetta al condominio, eventualmente attraverso l’intervento di un tecnico specializzato.
L’amministratore di condominio può agire in autonomia o ha bisogno dell’assemblea?

In generale, l’amministratore di condominio ha il potere di adottare decisioni di ordinaria amministrazione senza la necessità di convocare un’assemblea condominiale.

L’amministratore di condominio può agire in autonomia in caso di interventi necessari ed urgenti, come ad esempio una perdita d’acqua che sta danneggiando i beni comuni o privati, un allagamento, o  l’eliminazione di situazioni di pericolo.

In questi casi, l’amministratore deve intervenire tempestivamente per evitare che il danno si aggravi. Inoltre, l’amministratore deve informare gli altri condomini e relazionare alla prima assemblea utile, indicando le misure adottate e le ragioni per le quali è stata necessaria l’azione urgente.

Diverso è il caso in cui le infiltrazioni provengano da parti private, come ad esempio il balcone o la terrazza di un’unità immobiliare o le tubazioni private di un appartamento. In tal caso la responsabilità di gestire e risolvere il problema spetta al proprietario dell’unità immobiliare, anche ricorrendo all’intervento di un professionista per effettuare le riparazioni necessarie.

Ancora diverso è il caso in cui l’infiltrazione ha un’origine incerta o non è chiara. In tal caso potrebbe essere necessario un accordo tra il condominio e il proprietario dell’unità per risolvere la questione. In ogni caso, è sempre consigliabile contattare un esperto per una valutazione accurata della situazione.

In tutti i tre casi sembra chiaro che un buon amministratore di condominio è un valore aggiunto se ha soluzioni pronte per gestire emergenze, relazioni tra condomini e fornisce il suo contributo  per una civile comunità di condomini, alla quale ognuno di noi, suo malgrado, appartiene.

Stay tuned!

Potrebbe interessarti anche....

Sistemi di vigilanza in un condominio

Come argomento del giorno, questa volta, abbiamo scelto di parlare di sicurezza e dei sistemi di vigilanza all’interno di un condominio.  Nel nostro lavoro di amministratori di condominio spesso ci capita di dover affrontare il problema della sicurezza all’interno di un condominio dal punto di vista della vigilanza attiva.  I condomini consistono in strutture con […]

Vendere casa: i consigli di un esperto.

Un post inteso come seconda puntata sul tema compravendite degli immobili. In qualità di amministratori di condominio siamo spesso testimoni di compravendite e delle loro relative problematiche che, per il budget importante e il coinvolgimento di tanti e diversi attori sullo scenario di trattativa (venditore, acquirente, agenzia, istituto bancario, notaio etc…), può risultare un momento della vita […]

Il conto corrente del condominio (che è obbligatorio)

Forse non tutti sanno che, neanche troppo recentemente, e’ stata introdotta l’obbligatorietà della apertura di un conto corrente dedicato al condominio. Se da un lato quest’obbligo può risultare in una piccola spesa ulteriore per il condominio e come detto sopra un’onere di tempo non indifferente per l’amministratore di condominio, la riteniamo una norma giusta per una […]