Benvenuto nel nostro Blog

Le nuove tabelle millesimali (obbligatorie) per il riscaldamento.

Oggi introduciamo questo argomento caldo anche per via di diverse richieste di chiarimento da parte di alcuni nostri amici/condomini. Come forse qualcuno già saprà, entro la fine del 2016 verranno cambiati i criteri per le tabelle millesimali del riscaldamento che ripartiscono le quote variabili tra i sistemi autonomi e i sistemi centralizzati. Fino adesso gli appartamenti riscaldati autonomamente all’interno del sistema centralizzato dovevano pagare una percentuale deliberata dall’assemblea di condominio.
Questa quota cambiava da condominio a condominio e, dalla nostra esperienza di amministratori di condominio, possiamo dirvi che approssimativamente questa quota oscillava a seconda dei casi tra il 15% e 30%. Le cose ora andranno rapidamente cambiando con il decreto D.Leg. 102/14. La percentuale suddetta cambierà in base al singolo appartamento con parametri che differiranno dai criteri precedenti.
E chi lo deciderà chiederete voi? Bene, è previsto che entro fine anno verrà un tecnico certificato per la qualificazione energetica che assegnerà le quote di ogni singolo appartamento basati su alcuni criteri. E quali sono criteri?
Ce ne sono di diversi. Si parte dalla natura degli infissi, all’esposizione della casa, volumetria, superficie radiante complessiva, isolamento del tetto e via dicendo. Perche’ succede tutto questo?
Il motivo è nobile.. Lo Stato vuole favorire la riqualificazione energetica dei nostri stabili a partire dalle ristrutturazioni dei nostri appartamenti, secondo il principio per cui meno disperdono calore, meno si paga in modo cosi’ da diminuirne il futuro fabbisogno con tutte le ricadute positive sull’ambiente e l’economia.

La nostra opinione è che sarebbe meglio incentivare di più questa riqualificazione energetica con maggiori ed efficaci detrazioni.

L’argomento è oltremodo complesso, altri punti della legge sono sono l’obbligatorietà  di “contatori individuali per misurare l’effettivo consumo di calore o di raffreddamento o di acqua calda per ciascuna unità immobiliare.”
Inoltre fino a d’ora si era trascurata la necessità di un progetto vero e proprio che sembra ora essere obbligatorio per soddisfare la nuova normativa. Sono tutti cambiamenti che richiedono concertazione tra varie competenze come l’assemblea di condominio, l’amministratore, le ditte, i tecnici e i legali.
Come dicevamo la normativa e’ complessa per essere esaurita in un singolo post, per questo vi consigliamo di rivolgervi direttamente al vostro amministratore di condominio.

Potrebbe interessarti anche....

Come si ripartiscono le spese in un condominio?

Come mestiere di amministratore di condominio a Roma ci imbattiamo sempre nel problema della ripartizione delle spese tra condomini. E’ una materia a volte intricata sui cui spesso si legifera e quindi è bene tenersi aggiornati. Abitando in un condominio, volenti o nolenti siamo comunque vincolati a pagare di spese comuni. E’ bene ricordare che nessuno […]

La giungla degli ecoincentivi per i condomini

Oggi parliamo di un argomento strettamente legato ad un nostro post precedente ispirato da una nostra amica in occasione della giornata della Terra. Stavolta pero’ saremo più pragmatici parlando di alcuni vantaggi e dipanare dubbi. Il governo fino a fine 2016 ha incentivato alcuni tipi di ristrutturazione per la riqualificazione energetica del proprio appartamento come: […]

Riduzione delle ore giornaliere di accensione e della durata del periodo invernale degli impianti di riscaldamento

Con questo post, oggi stravolgiamo il piano editoriale per l’emergenza dovuta alla  situazione energetica e internazionale che si è venuta a creare nell’ultimo anno.  Il nostro paese ha recepito le direttive UE che prevedono la riduzione dell’approvvigionamento di gas naturale da quest’anno per i prossimi 5 e della promozione delle energie da fonti rinnovabili. E’ uscito da […]